Rendere un testo leggibile

Rendere un testo leggibile

Come nel precedente post del nostro #Blooog abbiamo cercato di dare importanza al taglio e al peso dell’immagine, ora se volete puntare sul testo dovete tener conto di allineamenti e spazi e cioè della leggibilità del testo.

Come si fa a rendere un testo leggibile?

Utilizzando gli strumenti del tracking e kerning (spazio tra lettere), interlinea (spazio tra righe di testo) e della giustificazione (“allineamento” del paragrafo).

Le persone si stancano velocemente di leggere un testo molto compatto e lungo senza pause di testo. Per questo è importante separare i paragrafi in varie parti, per far riposare l’occhio.

E altresì importante dare “aria” tra le lettere e tra le righe, portando l’occhio sempre un po’ stanco a concentrarsi sul testo e non confondersi sui giochi e sulle forme che si possono creare tenendo le lettere o le righe troppo vicine.

Un altro aspetto importante da non sottovalutare sono gli allineamenti tra blocchi di testo, ad esempio allineare tutto il testo a 2 cm dal bordo e il blocco successivo posizionato a 2,3 cm dà fastidio all’occhio perdendo così leggibilità nel complesso e quindi rendendo più difficile l’attenzione e la comprensione del messaggio.
Ma un può essere supportato anche da elementi grafici che rafforzano al contempo l’armonia e il messaggio della pubblicità.

Gli elementi grafici più utilizzati a questo scopo sono frecce, bordi, fondi colorati, forme geometriche, linee ecc… ovviamente si può usare qualsiasi altro segno, mantenendo però sempre la stessa linea stilistica.

Così siamo già a buon punto per avere maggiore sicurezza su ciò che riguarda l’armonia di un testo.

Il nostro consiglio è quindi quello di provare due strade:

abbandonate il progetto per un pò distraendovi in qualcos’altro, è importante valutare a mente fredda il risultato ottenuto; quando lo riprenderete in mano sarà più facile valutare i possibili cambiamenti da effettuare.

se non siete del tutto convinti, chiedete un parere sincero ad una persona conosciuta ma che non ha mai visto la vostra pubblicità, mostratele il progetto 30 secondi e poi chiedetele cosa ha capito.

Traete voi stessi le conclusioni, siate clementi con chi vi giudica e aperti alle critiche, solo così si potrà raggiungere il risultato sperato.

P.S. e circondatevi di amici intelligenti! :-)))

A presto dal Bloog di Deerlo!

Se l’articolo ti è piaciuto commentalo e condividilo con i tuoi amici…

E se vuoi restare sempre aggiornato metti mi piace sulla pagina Fb

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*